Urbano Urbani presenta alla città le tre liste che lo sosterranno.

Priorità: partecipazione, specifico Assessorato dedicato alle frazioni, bilancio efficiente, emergenza occupazionale, Unifabriano, emergenza casa, sviluppo economico, agricoltura, sicurezza, servizi sociali, centro storico, viabilità, trasporti e lavori pubblici, cultura, turismo, scuola, sport, ambiente, acqua, animali.

Presentate nelle sede del Comitato elettorale di Urbano Urbani, in Corso della Repubblica, le tre liste: Urbani Sindaco, Fabriano Cambia, Pdl, che sosterranno quest’ultimo nella campagna elettorale.

I nomi dei candidati per la Lista Urbani Sindaco: Latini Guido, Archetti Gabriele, Belardinelli Ombretta, Bernacconi Fabio, Cimarra Marialuisa, Coacci Gino, Fraboni Simone, Leli Giovanna, Manfredi Marcello, Marino Giustino, Monti Enrico, Moretti Mauro, Moriconi Daniela, Mosce’ Fabrizio, Palanga Elda, Pallottelli Angelo, Poeta Andrea Poeta Massimiliano, Puzzillo Domenico, Rossini Silvio, Salari Fabrizio, Silvi Danilo, Venanzetti Ledo, Zampetti Carlo.

Lista Fabriano Cambia: Angelini Eugenio, Borioni Gino, Brillanti Francesco, Cimarra Cinzia, Cini’ Loredana, Crialesi Valentin, Cucchi Marino, Emery Giulio, Fattorini Sara, Fratini Tommaso, Gagliardi Carlo, Marcucci Marco Antonio, Mendicini Luigi, Monti Luigi, Nadmi Saadia, Paciarotti Lino, Patassi Alessandro, Poeta Giorgio, Prioretti Sara, Ranieri Giovanni, Rauso Pasquale, Rinaldi Tommaso, Tassaro Gaetano, Stroppa Pierina .

Lista Pdl: Silvano D’Innocenzo, Luca Bartoloni, Paola Bertellini, Samuele Bigiarelli, Claudio Biondi, Lucia Burini, Maurizio Carnali, Valerio Carotti, Valentina Cerroni, Giovanni Dadea, Mihaela Dajbog, Maurizio Diociaiuti, Pasquale Esposito, Ugo Franca, N. Ruggero Galasso, Manuel Gherardi, Maria Luisa Lattanzi, Francesco Maggio, Giancarlo Pellacchia, Diana Porfiri, Bruno Spuri, Fabrizio Stazio, Olindo Stroppa, Domenico Turchi.

 

Introdotto dal coordinatore del Pdl Giampaolo Ballelli, Urbani ha presentato alcuni passaggi del programma, che si arricchirà di altri capitoli nel corso della campagna elettorale.

“Le elezioni amministrative del 2012″ ha detto il candidato sindaco “si collocano in un quadro di riferimento politico, economico e sociale caratterizzato da forte instabilità. In questo contesto non abbiamo la pretesa di avere la bacchetta magica per risolvere tutti i problemi della nostra comunità, tuttavia siamo convinti di poter avere un metodo politico nuovo ed un diverso approccio ai problemi che in una parola possiamo sintetizzare così: partecipazione dei cittadini alle scelte importanti della città. Una apertura ampia anche all’opposizione che le permetta di essere veramente propositiva. Un programma aperto ai contributi di quanti vogliano condividere la passione e la gratificazione di lavorare per obiettivi ambiziosi, dove le migliori forze e le grandi risorse del volontariato e della società civile vengano valorizzate  per partecipare al progetto di realizzazione di una nuova Fabriano. Stiamo lavorando per indicare con chiarezza quelle che saranno le priorità, consapevoli che non possiamo scrivere i libri dei sogni. Un programma fatto di principi, con idee e proposte realizzabili per il progresso del nostro territorio. Un progetto basato principalmente sulla valorizzazione della nostra storia e della nostra cultura. E’ necessario che Fabriano si colleghi agli altri Comuni dell’ambito territoriale ottimizzando così le varie risorse in un progetto condiviso e trasparente. Solo con il coinvolgimento di tutta la società possiamo immaginare un programma politico di alto respiro, che funga da bussola per un futuro che oggi, a Fabriano, appare incerto. Per progettare una città migliore dovremo impegnarci su alcune priorità: Un bilancio dove efficienza, rispetto delle regole, trasparenza e partecipazione saranno le fondamenta del lavoro che ci attende. Sette assessorati aperti al contributo di commissioni tecnico scientifiche a costo zero. Uno specifico assessorato dedicato alle frazioni e al territorio. Efficiente organizzazione della struttura comunale: zero burocrazia. Distribuzione equa delle risorse potenziando le manutenzioni di strade, edifici pubblici, strutture sportive. Interventi che privilegino la qualità della vita in città e nelle frazioni, la tutela dell’ambiente, la lotta all’inquinamento, il recupero del patrimonio edilizio e di quello storico-culturale. Interventi in favore del lavoro e delle aziende che hanno la sede e producono nel territorio nel rispetto delle norme di legge e nella massima trasparenza amministrativa. Per le aziende che vantano crediti nei confronti del Comune sara’ necessario ricercare formule di soddisfacimento anche tramite servizi erogabili dal Comune”.

Pubblicato da News